Home Home
 
 
 
 
 
 
USS HOPE - MISSIONE 14 RSS USS HOPE - Missione 14

14.03 "I cacciatori"

di Lon Basta, Pubblicato il 14-10-2019

TOOL III, Colonia Tahzot, Residenza di Kolose - 19/08/2399, ore 23:22


Lon Basta, con le mani incrociate sul petto e la testa leggermente piegata verso destra, studiava ad occhi socchiusi l'edificio come se questo fosse in grado di parlargli. Era così immobile che, nel buio in cui era la piazza in quel momento, era quasi impossibile vederlo.

"Allora?," Basta non diede alcun segno di aver sentito il bisbiglio che proveniva alle sue spalle. Sistemando meglio lo zaino sulle spalle Luna si portò al suo fianco. "Allora?" Chiese ancora.

Un sospiro appena percettibile tradì il fatto che il betazoide non fosse diventato improvvisamente una statua di pietra. "Spiegami ancora perché siamo qui a quest'ora senza autorizzazione, in abiti civili." Fu la rapidissima risposta che Luna sentì solo perché era a pochi centimetri da lui. Ciò nonostante chiese: "Eh?"

A quel punto Basta le lanciò un'occhiataccia al quale lei rispose con un sorriso innocente.

"Perché ho pensato che tu potessi usare il tuo mojojo per capire cos'è successo." Gli spiegò magnanima avendo pietà di lui.

"Il mio cosa?"

"Il tuo mojojo, quella roba che ti ha insegnato tuo zio, sai, quando ti faceva vivere come un recluso e ti dava lezioni di sopravvivenza..." Si interruppe vedendo Basta irrigidirsi e girarsi lentamente verso di lei.

"Che ne sai tu di mio zio?"

Per tutta risposta Luna roteò gli occhi, "San Francisco, dopo che ti ho pestato, quando ci siamo visti in quel locale..."

"Vuoi dire quando mi hai seguito in quel locale?"

"Dettagli. Ti ricordi che abbiamo finito tutti gli alcolici? Abbiamo avuto un momento di comunione quella sera io e te, quasi commuovente, tu mi hai parlato del tuo passato e io..."

"Mi hai fatto ubriacare per farmi parlare." L'interruppe secco Lon.

"Esatto."

Basta resto a fissarla in silenzio. "E' difficile che io mi ubriachi."

"Che importa ora! Usa il tuo mojojo!" Sbottò Luna indicando con le mani l'edificio, "ricostruisci l'azione! Immedesimati."

"Che differenza c'era nel farlo di giorno?"

"Di giorno non avremmo potuto fare questo," rispose Luna estraendo uno strumento dallo zaino che fece accigliare Basta e inserendo un comando, "ok, adesso le telecamere non possono vederci, abbiamo esattamente..." controllò lo strumento, "lo stesso tempo che hanno avuto gli assalitori." E guardò Basta con aspettativa. "Mojojo, su su." Lo incoraggiò.

"Non voglio nemmeno sapere dove l'hai preso," commentò Basta con un sospiro per poi portare l'attenzione all'edificio e iniziare a muoversi.

"Meglio," mormorò Luna seguendolo, "ho fatto una simulazione del tempo che sarebbe occorso agli assalitori per entrare nella villa, arrivare alle camere, compiere il loro efferato omicidio, perdere tempo a lottare con l'ammiraglio e uscire quando il loro sistema di mascheratura è saltato." Gli sussurrò mentre si avvicinavano all'ingresso della villa, "non dobbiamo fare altro che ripetere gli stessi passi e..." Si fermò di botto per evitare di urtare Basta che con le mani ai fianchi fissava il cancello accigliato.

"Quanto tempo avrebbero impiegato secondo la tua simulazione a fare tutto?"

"Dieci minuti." Rispose subito Luna.

"Uhm," commentò Basta studiando il cancello prima di iniziare all'improvviso a muoversi. "Allarmi?"

Senza perdere tempo a discutere come mai gli facesse domande le cui risposte era certa lui conoscesse già, Luna guardò immediatamente i suoi appunti, "non mi risulta, avrebbe dovuto esserci una guardia, più un custode, ma..."

"Uhm," sempre più accigliato Basta aprì il cancello e attraversò il giardino fino a raggiungere la porta principale. Entrarono nell'edificio silenzioso e si guardarono attorno. "Le stanze sono nel corridoio l'una di fronte all'altra," sussurrò Luna chiudendosi la porta alle spalle. Basta si incamminò nella direzione indicatagli e raggiunse la prima porta. "Tempo?" Chiese aprendola.

"Sono passati tre minuti."

Il betazoide entrò nella stanza, raggiunse il letto e simulò l'atto di colpire qualcuno disteso, poi tornò indietro. Sulla soglia Luna continuava a controllare il tempo, "se aggiungiamo i minuti persi nella colluttazione con l'ammiraglio direi che ci siamo." Poi lo guardò. Basta ricambiò il suo sguardo. Rimasero a fissarsi per un tempo che alla pilota sembrò lunghissimo poi l'altro sospirò prendendosi l'attaccatura del naso fra l'indice ed il pollice.

"Conoscevano la casa, sapevano che non c'era un allarme, conoscevano la posizione di ogni ospite perché dieci minuti non sono sufficienti se devi cercare le persone che devi uccidere. Non metti in piedi un piano del genere se non hai un informatore interno o vicino alle vittime o se non hai fatto un sopralluogo prima."

Mentre parlava Luna prendeva appunti e annuiva. "Come sono arrivati qui? Hanno usato un teletrasporto come quando sono andati via? Hanno usato una nave?" Poi scosse la testa correggendosi, "Edison ha ripetuto le scansioni e non c'era nessuna navetta non autorizzata in orbita. Quindi dove sono andati?" Sollevò la testa guardando Luna come se lei avesse la risposta e si rifiutasse di dargliela, lei si limitò a fissarlo di rimando. "Hanno usato uno shuttle?" Continuò Basta, "abbiamo fatto scansioni di shuttle che decollavano?"

A quella domanda la pilota sollevò l'indice per dirgli di aspettare.

"Jones a Rest, il signor Tucci ha controllato eventuali voli nell'orbita del pianeta o nell'atmosfera del pianeta verso l'ora dell'attentato?"

=^=No.=^=

"Dobbiamo vedere se nei rapporti che ci hanno girato o che ha la Phoebe, se hanno interrogato la guardia/custode, o se per caso c'erano dei dipendenti che si occupavano della villetta o del giardino," aggiunse guardando Basta mentre parlava con Rest, "è probabile che non fossero degli sprovveduti, quindi dovevano conoscere la casa nei dettagli e sapere dove ciascuna vittima avrebbe dormito."

=^=Quindi i miei calcoli erano esatti,=^= fu la laconica risposta di Rest alla quale Luna rispose roteando gli occhi.

"Si, si, i suoi ragionamenti erano corretti," gli rispose, "il mojojo di Basta lo ha confermato."

=^=Il cosa?=^=

"Nulla,a più tardi tenente." Uno sbotto sfuggi a Luna quando notò lo sguardo di Basta. "Che c'è? A qualcuno lo dovevo pur dire! Almeno se ci avessero arrestato avremmo potuto dire di essere in missione. Ottimo lavoro, sapevo che il tuo mojojo avrebbe funzionato," ripose nello zaino il padd. "Andiamo a bere qualcosa?"

"Non dimentichi una cosa?"

"No, abbiamo fatto la nostra prova, possiamo andare."

"Le telecamere avranno ripreso a funzionare ora," la corresse lui, "come usciamo da qui?"

"Oh quello, la simulazione finisce quando lo voglio io," gli rispose Luna mostrandogli lo strumento che aveva in mano con un sorrisetto, "questo non salta come quello che hanno usato loro."

"Non trovi strano che per essere così organizzati abbiano usato materiale scadente?"

A quella domanda Luna sfiorò nuovamente il comunicatore.



TOOL III, Colonia Tahzot, Locale nella periferia - 20/08/2399, 01:00


"Spiegatemi ancora perché siamo qui," chiese Melanne Grahan cercando di farsi sentire al di sopra della musica.

"Ufficialmente perché ci serviva una distrazione," le rispose Caytlin perfettamente a suo agio nell'atmosfera caotica, "ufficiosamente volevo farmi un'idea su clima della colonia." Melanne seguì il suo sguardo in direzione del bar dove Dohaan stava cercando di ordinare da bere. "Dato che è la Phoebe a dirigere le indagini," continuò Caytlin con un sorriso che le illuminò tutto il volto, "nulla ci vieta di occuparci dei dettagli, ovvero di quei particolari che loro potrebbero eventualmente trascurare."

"E questo comporta..."

"Uscire e divertirsi," concluse la sua frase il consigliere, "e nello stesso tempo studiare la situazione generale. Vedi per esempio quella coppia in quell'angolo?" Le disse indicando un tavolo sul fondo del locale, dove due bajoriani, un uomo ed una donna, sorseggiavano le loro bevande chiacchierando animatamente. "Lui è cotto di lei, ma non vuol darlo a vedere per questo si guarda ogni tanto attorno come se fosse interessato anche alle altre donne presenti. Lei invece non nasconde nulla, ma tutte le volte che lui si guarda attorno, la sua espressione si fa triste."

"E questo cosa ti dice del clima della colonia?"

"Che è sano, almeno in apparenza."

"E quella donna al bancone? Quella vicina a James?" Le chiese Melanne palesemente intrigata dalla capacità di osservazione dell'altra. Caytlin si girò nella direzione indicata e socchiuse appena gli occhi prima di tornare a guardarla sorseggiando con grazia la sua bibita.

"Impegnata, ma dal modo in cui guarda James ancora non per molto."

"Come fai a dirlo?" Le chiese Melanne sorpresa. Caytlin sorrise.

"Dall'atteggiamento innanzitutto, continua a guardare in direzione di James e nello stesso tempo verso quel gruppetto poco distante come se non avesse paura di essere scoperta."

"Oh," commentò Melanne sorpresa.

"E qualche minuto fa baciava uno di quei ragazzi," concluse ridendo Caytlin. "Comunque sia," proseguì guardandosi ancora attorno, "ho scelto questo locale perché è uno dei pochi, non che ce ne siano molti in questa colonia, dove non saremmo saltati troppo all'occhio. Qui non ci sono solo bajoriani." Concluse con un sorrisetto soddisfatto.

"Se dovessi dare una mia opinione direi che è una sana e tranquilla atmosfera," annuì Melanne ricambiando il sorriso, "quindi anche se non ne ricaviamo nulla, mi sta bene anche la serata per distrarsi." Concluse con un sospiro.

"C'è qualcosa che non va?" Le chiese Caytlin riportando l'attenzione su di lei.

Melanne scosse la testa, "No, non c'è nulla che non vada."

"Dal tono in cui lo dici, sembra tutto il contrario." Caytlin la obiettò con un sorriso amichevole.

Prima che però Melanne potesse rispondere un grido rabbioso interruppe il loro discorso.

Entrambe si girarono verso il bancone dove un bajoriano enorme aveva afferrato per il bavero Dohaan e, senza pensarci Melanne si alzò di scatto correndo verso i due. Mentre stava per imitarla Caytlin incrociò lo sguardo di un bajoriano che la fissava senza preoccuparsi troppo di nascondere l'odio. Istintivamente sorrise.



USS Hope, Infermeria - 20/08/2399, ore 03:00


Basta entrò nell'infermeria con uno sguardo così scuro che l'infermiera Nudges arretrò istintivamente di un passo e senza che lui le chiedesse nulla indicò immediatamente l'ufficio di Melanne Grahan. Senza una parola il betazoide si diresse immediatamente nella direzione indicata.

"Fuori." Sibilò all'infermiere che si stava occupando dello zigomo della dottoressa.

"Ma verament..:"

"Ho detto: fuori," ripeté seccamente fissando Melanne.

L'uomo passò lo sguardo fra l'una e l'altro fino a quando la Grahan non gli fece un cenno d'assenso. Non appena le porte si chiusero alle sue spalle Lon aprì la bocca.

"Se sei venuto per dare ordini nella mia infermeria, quella è la porta." Lo interruppe Melanne sospirando.

"Non vado da nessuna parte fino a quando non mi spieghi cosa ti è saltato in mente," ribatté lui digrignando i denti.

Girando attorno alla scrivania per sedersi, Melanne si massaggiò lo zigomo arrossato. "Intendi dire quando ho accettato di andare con Caytlin a bere qualcosa?" Chiese con aria innocente.

A quella risposta Lon serrò la mascella, "non fare la furba Melanne! Ho letto il rapporto."

"Oh per la miseria Lon!" Esclamò lei esasperata, "non è successo nulla! James ha attirato l'attenzione della donna sbagliata tutto qui!"

"E la parte in cui ti sei ritrovata davanti ad un pugno?"

"Non è nulla che non potrebbe accadere a chiunque cerchi di interrompere una rissa," ribatté lei stringendo le spalle con indifferenza.

"Si ma..:"

"Non propinarmi di nuovo la storia che tu sei addestrato e io no," lo minacciò lei iniziando ad arrabbiarsi, "perché i corsi di autodifesa li ho fatti anche io Lon Basta! E se solo ti azzardi a dire che non era compito mio intervenire puoi tranquillamente girare sui tacchi ed andartene."

Il betazoide fissò il dito indice teso nella direzione della porta, poi tornò a guardare lei.

"Non sei sufficientemente addestrata ad affrontare una rissa," le disse a denti stretti e fu investito da un mare in tempesta che minacciò di schiacciarlo "Fuori!" Sibilò Melanne alzandosi e indicando la porta.

Temporaneamente senza fiato Lon non reagì fino a quando non se la ritrovò davanti che lo fissava furibonda. "Tu," gli disse lei colpendolo più volte con la punta dell'indice sul petto sottolineando ogni parola, "non hai alcun diritto di decidere se io sono o non sono in grado di fare qualcosa!"

Come se fosse affascinato dal dito della mano di Melanne, Lon restò in silenzio per alcuni lunghissimi secondi quando lei ebbe finito di parlare. "Hai ragione." Le disse quando finalmente ritrovò la parola.

Fu a quel punto che Melanne lo baciò.