Home Home
 
 
 
 
 
 
DS16GAMMA - MISSIONE 26 RSS DS16GAMMA - Missione 26

26.01 "Il traduttore universale"

di Steje Aymane, Pubblicato il 13-09-2021

DS16 Gamma
Passeggiata
25/08/2401 - ore 19.08


"Comandante Rerin a Riccardi, bloccate qualsiasi nave cerchi di allontanarsi dalla base."

=^=Ricevuto! Ha idea di cosa stia succedendo?=^=

"Le farò sapere appena l'avrò capito!" esclamò Rerin chiudendo il canale e avvicinandosi alla dottoressa Bly che stava soccorrendo l'insegnante.

"Dottoressa?" chiese abbassandosi.

"È grave, ma non in pericolo di vita, dovrò portarla immediatamente in infermeria."

"Vai pure mi occupo io dei bambini. Tvek, Rogers, dobbiamo portare i bambini in un posto sicuro, prima di riuscire a fare chiarezza."

"Un posto ci sarebbe, ma non so se le piacerà." rispose l'uomo della sicurezza con un sorriso sghembo.



DS16 Gamma
Ambasciata klingon
25/08/2401 - ore 19.08


"E li ha portati qua..." commentò Rogal sollevando un sopracciglio.
Lui è Rerin si stavano fronteggiando nel centro della sala incontri dell'ambasciata klingon. Da una parte c'erano i bambini e le due maestre rimaste, sui loro volti era scolpito il terrore per quello che era successo, in più si sommava anche la paura dei cinque guerrieri di sangue che li guardavano come se quei bambini fossero dei triboli sotto mentite spoglie.

"Ne hanno rapita una ed eravamo ad una porta di distanza dall'ambasciata. Dannazione Ambasciatore hanno sparato in mezzo alla gente sulla passeggiata e ancora non so cosa stia succedendo. Converrà con me che non avevo molta scelta." rispose Rerin con un sospiro.

"Ne convengo... ok li lasci qui, ci penserà Stilgar. Ma faccia venire Tar... ehm il Comandante Keane, converrà con me che tenere dei federali in miniatura in un'ambasciata klingon senza supervisione, non è una buona idea."

"Li vuole affidare a Stilgar?" Rerin era basito, l'enorme klingon dallo sguardo truce e dalla cicatrice che spaventava anche lui delle volte, avrebbe gestito dei bambini piccoli in lacrime.
Rogal fece un cenno in direzione degli ospiti, Stilgar si era avvicinato con tranquillità e si era seduto davanti ai bambini. Una delle bambine più vicine, una ragazzina dai capelli rossi gli si avvicinò singhiozzando e lui la prese fra le braccia.

"Stilgar adora i bambini, ne ha sei, tutti adottati. La cosa più strana è che i bambini non sembrano avere paura di lui."

"Voi klingon siete proprio strani..." commentò Rerin lasciando l'ambasciata.



DS16 Gamma
Sala comando
25/08/2401 - ore 19.20


"Niente?" chiese Steje guardando gli uomini riuniti nella sala.

"Non so cosa dirle, hanno staccato le luci e attaccato la passeggiata come un gruppo ben organizzato... a dire il vero non so nemmeno se è stato un gruppo. Non c'è traccia né di loro, né della bambina sparita."

"Steje a Comandante Keane, è arrivata all'ambasciata?"

=^=Qui Tara, sono sul posto.=^=

"Cercate di capire chi sia la piccola Gracy, se si sono presi il disturbo di rapirla dentro una stazione federale vuol dire che dev'essere qualcuno d'importante."

=^=L'Ambasciatore ha parlato con la signorina Sama Dreil, l'insegnante betazoide. Da quello che ne sappiamo la bambina è figlia del titolare di un'impresa di smaltimento rifiuti su una colonia non lontana da Bajor.=^=

"Eppure qualcosa di speciale lo deve avere quella bambina, non conosco una luogo più ad alto rischio che la nostra base. Rapire una bambina qui è quasi un suicidio." commentò Steje

"Qualcosa di speciale lo hanno tutti." commentò Durani a pochi metri dal Capitano

"Cosa avrebbero di speciale?" chiese il Trill

=^=Capitano non ha letto le informazioni sul progetto educazionale Athena?=^=

"Ero un po' impegnato e ho passato la documentazione al comandante Rerin." rispose Steje senza nemmeno dare l'impressione di essere imbarazzato.

=^=Il Progetto Athena è stato creato cinque anni fa dalla federazione per raccogliere bambini con capacità uniche.=^=

"Una scuola per geni?"

"Sì e no, non si tratta solo di geni matematici - si intromise Durani - ma anche bambini incredibilmente dotati per la musica, l'arte o la programmazione. Il piccolo Joshua ha scritto un nuovo interfaccia LCARS che sfrutta programmazione quantistica ed ha solo sette anni."

"Forse allora la piccola Gracy costruisce navi stellari o armi di distruzione di massa." proposte il Capitano Aymane con un sorrisetto

=^=In realtà no, dice che è solo un genio linguistico... solo per modo di dire, nessuno sa quante lingue riesca a parlare, al momento nel hanno contate trentasette.=^= li informò Tara

"Trent...?! Dei del cielo, cos'è un traduttore universale?"

=^=Tutto può essere, parla tantissime lingue ma non è in grado di spiegare come faccia o quante ne conosca esattamente... nemmeno come faccia ad impararle. La signorina Dreil ha detto che la bambina parla betazoide perfettamente eppure i suoi genitori abitano in una colonia dove ci sono quasi esclusivamente umani.=^=

"Non so perché ma questi bambini mi fanno più paura di prima. Comandante tenga i bambini con conoscenze pericolose lontani dalle mani dei klingon e continui a scavare nella vita di Gracy. Se c'è bisogno faccia arrivare i genitori da DS9."

=^=Guardi che l'Ambasciatore la sente!=^=

"Ops... Steje chiudo!" il Capitano sospirò "Bambini con conoscenze incredibili e qualcuno che ne rapisce una che sa solo parlare tante lingue..."

"Forse è stato un errore." si intromise l'ufficiale scientifico

"Hanno superato la sorveglianza di Riccardi, hanno manomesso i sistemi energetici della base e poi prendono la bambina sbagliata? Ne dubito." rispose Aymane tormentandosi il labbro con le dita.

"La cosa che ancora non capisco è perché non riusciamo a trovarli... nessuna nave è partita da quando abbiamo dato l'allarme e i le telecamere di sorveglianza non trovano niente." commentò frustrato Riccardi

"Continuate a cercare, a costo di svitare ogni paratia della stazione... dovete trovare quella bambina!"



DS16 Gamma
Alloggio Guardiamarina Sati e Guardiamarina Lorelax
25/08/2401 - ore 20:00


"L'avete calmata?" chiese l'uomo con un sussurro attraverso la maschera che gli copriva il volto.

"Sì, anche se non è stato facile. Gli era presa una crisi isterica e abbiamo dovuto darle un blando sedativo, ma non dovrebbe interferire con le sue capacità." gli rispose una benzita anch'essa con il viso coperto.

"Speriamo, dobbiamo riconsegnarla il prima possibile, se non la ritrovano presto sarà impossibile andarsene da questa base." commentò il terzo membro del gruppo, che rivelava i suoi natali trill solo perché la maschera non copriva anche il collo segnato da macchie.

"I due proprietari degli alloggi?" l'umano guardò i due svenuti e legati che ora giacevano supini sul letto.

"Sono K.O., abbiamo scelto il loro alloggio perché il loro prossimo turno è fra un giorno e mezzo, quindi nessuno farà caso alla loro scomparsa."

"Bene, è il momento di parlare con la bambina." il capo della banda raggiunse la piccola Gracy seduta su una poltrona e si alzò la maschera, mostrando un bel viso coperto da una rada barbetta e due occhi azzurri.

"Ciao Gracy, scusaci per questa confusione, ma avevamo davvero tanto bisogno di te." l'uomo sorrise "Ti dispiace se ti faccio sentire una cosa?"

La bambina, ancora impaurita per essere stata afferrata nel buio e trascinata via e un po' perché era lievemente stordita dal sedativo si limitò a fare un cenno di assenso con la testa.

"Brava bambina, ti prometto che fra poco sarà tutto finito." L'uomo estrasse dal lungo giaccone una scatola simile ad un vecchio tricorder della flotta stellare e fece scattare la copertura che emise il vetusto trillo.

La voce che uscì dalla registrazione non era chiaramente umana e nemmeno la lingua con cui parlava era conosciuta dalla Federazione, il capitano Colter della nave mercenaria Soyokaze, se ne era accertato. Aveva provato anche con i database klingon ed era quasi riuscito a mettere le mani su quelli romulani, ma nessun database riusciva a trovare una corrispondenza in quella lingua.

James Colter guardò la bambina con un sorriso rassicurante, ma la piccola aveva gli occhi vitrei e sembrava ascoltare la conversazione come se lì ci fosse solo lei e nessun altro.

"Nave Hjerstwyn, Primo Aliante del regno di Lot. La nave è in avaria e non riusciremo a tornare indietro, lascio le mie ultime volontà sperando che qualcuno del mio mondo raccolga il nostro testimone... piegare lo spazio per viaggiare è possibile, noi ne siamo stati testimoni... anche se non vivremo abbastanza per testimoniare niente. Il pianeta è inospitale e non abbiamo cibo a sufficienza, quindi la nostra esperienza si concluderà con la nostra morte. Allego le coordinate del pianeta sul quale siamo caduti e le invierò tramite una sonda nello spazio sperando che qualcuno ci trovi e raccolga almeno il nostro prezioso carico. Ma non so chi potrebbe aiutarci, le razze che abbiamo visitato fino ad ora erano appena in grado di leggere e scrivere, persino la nostra razza per quanto avanzata, non ha ancora navi per viaggi a curvatura oltre questa ed adesso ci troviamo troppo distante perché qualcuno dei nostri arrivi. Rivolgo una preghiera per il mio equipaggio... Prima Ala, Capitano Sokat, chiudo." la bambina sbattè gli occhi un paio di volte e poi parve addormentarsi.

"Hai registrato tutto?" chiese l'uomo.

"Tutto registrato, comprese le coordinate. Sei sicuro della datazione?" chiese il trill rimettendo alla cintura il suo tricorder

"La datazione al carbonio diceva che la sonda aveva almeno duecentomila anni e lo stesso metallo della sonda non esiste su nessuna tavola degli elementi... il solo venderlo ci renderebbe ricchi sfondati, immaginate cosa potrebbe fruttarci una nave dispersa da tutto quel tempo. Diavolo, sulla terra duecentomila anni fa c'erano gli uomini preistorici e questi già viaggiavano fra le stelle... è il sogno di qualsiasi scienziato!"

"Noi mica lo facciamo per la scienza!" commentò la donna ridendo

"Che centra, è il pensiero che conta" il gruppetto si mise a ridere.

"Basta così, Kisa, porta la bambina in un posto dove può essere trovata e assicurati di somministrarle un po' di quella droga, voglio che non si ricordi cosa ha fatto nelle ultime ore. Noi torniamo dallo ktariano... cavolo credo che siamo i primi mercenari ad assumere un datore di lavoro invece del contrario! Appena si saranno calmate le acque ce ne andremo... quella nave ha aspettato duecentomila anni, può aspettare qualche mese in più."



DS16 Gamma
Sala comando
26/08/2401 - ore 00:44


=^=Guardiamarina Stone a Capitano, abbiamo trovato la bambina! Era addormentata dentro uno scaffale nel ristorante dove il Comandante Rerin stava portando i bambini a cena.=^=

"Come sta?" chiese Steje

=^=Apparentemente bene, solo un po' frastornata. La stiamo accompagnando in infermeria, ho già allertato la dottoressa.=^=

"Ottimo lavoro Stone, vi raggiungo in infermeria."

Il Capitano di DS16G fece un cenno al suo Primo Ufficiale e i due entrarono dentro il turbo ascensore, dopo un attimo di silenzio Aymane guardò il collega.

"Secondo te quante possibilità ci sono che la bambina si sia effettivamente nascosta da sola e sia rimasta lì per tutto questo tempo?"

"Non tante, ma è comunque possibile" rispose l'andoriano con un'alzata di spalle, ma i suoi muscoli parvero rilassarsi perché la bambina a lui affidata pareva sana e salva.

"Vuoi scommettere?" chiese Steje lanciando un'occhiata divertita al suo primo ufficiale.

Rerin sospirò rassegnato, questa storia non era finita.