Missione in corso










DS16GAMMA

presenta


DS16GAMMA

Missione in corso

Missione 26






Basato sulla saga di Star Trek di Gene Roddenberry, questa opera amatoriale è il prodotto della DS16GAMMA,
simulazione appartenente all'universo narrativo del Gioco di Narrazione PBeM


Starfleet Italy

Gli autori/giocatori hanno creato un proprio alter ego narrativo con il quale sono entrati a far parte della squadra
di comando della DS16GAMMA, quindi a turno hanno scritto i brani di questa avventura fantascientifica,
creando appunto questa opera amatoriale inedita e originale basata su Star Trek.




Questo racconto lungo è un'opera amatoriale che puó essere liberamente
riprodotta, purché integralmente, in ogni sua parte, e non a fini di lucro.



Anno pubblicazione 0000



www.starfleetitaly.it | DS16GAMMA








Equipaggio

Comandante Capitano Steje Aymane

Ufficiale Medico Capo Tenente Bly Dorien

Capitano
Steje Aymane
Comandante

Tenente
Bly Dorien
Ufficiale Medico Capo


DS16GAMMA

Autori

Comandante
Steje Aymane
Franco Carretti

Ufficiale Medico Capo
Bly Dorien
nd nd






Sommario


Sinossi
26.00 - Numero uno? C'è un lavoro per lei...
26.01 - Il traduttore universale

Sinossi

...



26.00 - Numero uno? C'è un lavoro per lei...

Autore: Tenente Bly Dorien

DS16 Gamma
Ufficio del Capitano Aymane
20/08/2401 - ore 16.27


Il Capitano Aymane stava leggendo una serie di rapporti sfogliando in modo disinteressato le varie pagine. La base stellare DS16 Gamma era famosa per alternare momenti adrenalinici a periodi di totale tranquillità. Di tanto in tanto si rischiavano le coronarie, ma per il resto del tempo era tutto tranquillo.

=^=Capitano, chiamata dal Comando di Flotta. Si tratta del contrammiraglio Darion, posso passargliela in ufficio? Sembrerebbe urgente=^=

Aymane sollevò lo sguardo dal terminale per poi sospirare "Mi sa che la tranquillità sta per finire" sfiorò il comunicatore annuendo "Sì, certo, proceda pure!"

Pochi attimi dopo, il viso paffuto di Darion, con la sua emblematica barba bianca, apparve sul terminale=^=Buongiorno Capitano, come stanno andando le cose sulla base stellare?=^=

"Buongiorno Contrammiraglio. Come avrà visto negli ultimi rapporti, la situazione sulla base stellare è molto tranquilla. Nei prossimi giorni dovrebbe venire in visita una delegazione dei Verkopers per un primo contatto e la formulazione di qualche accordo commerciale, ma non prima che sulla base si sarà tenuta la festa della fratellanza"

=^=Già, è proprio per quello che l'ho contattata. Se non erro quella festa si terrà fra due giorni, o mi sbaglio?=^=

"Non si sbaglia affatto, anche se non me ne preoccuperei eccessivamente. Si tratta più di un modo per spezzare la routine sulla base con una piccola festicciola interna a parte l'arrivo dell'equipaggio delle navi attraccate alla base non ci sarà nessun altro a parte che noi, la sicurezza ha già approntato una nuova turnazione dell'equipaggio per aumentare i controlli sulla passeggiata ma nulla di più"

=^=Beh, ma bisogna ammettere che sia encomiabile come in un'unica base stellare riescano a convivere così tranquillamente così stante specie, tra federali e meno. La DS16 Gamma rappresenta un esempio magistrale di come le relazioni diplomatiche possano essere la miglior cura contro i rischi della guerra=^=

La sviolinata di Darion non passò inosservata a Steje "Già Signore, si fa quel che si può" il Capitano, con la sua grande esperienza, ci mise poco a capire che sotto tutte quelle lusinghe doveva nascondersi la classica fregatura "Bene Contrammiraglio, sono lieto che apprezzi la festa. Ci farà l'onore di venire anche lei?"

=^=Chi? Io? No!=^=Darion rispose di getto per poi aggiungere=^=I miei impegni richiedono la mia presenza al comando. E' estremamente raro che io lasci Sol III, ad ogni modo... visto che siamo in argomento, chiamavo giusto appunto per dirle che la base sarà onorata dalla presenza di altri ospiti molto importanti=^=

"Ah, ecco..." Steje fece una piccola pausa "Dovrò informare la sicurezza che delle personalità illustri saranno alla festa per alzare il livello di sicurezza"

=^=Non le definirei esattamente personalità illustri, diciamo ospiti che la Flotta Stellare vuole siano trattati bene, quindi si tranquillizzi, non sarà necessario aumentare la sicurezza ma solo prepararsi ad ospitarli tenendo conto delle loro esigenze=^=

"Va bene" Aymane era perplesso "Quindi sono persone con necessità particolari da ospitare, ma sarebbe più semplice prepararsi se sapessi esattamente chi sta venendo sulla nostra base"

=^=Beh, si tratta del progetto educazionale Athena=^=Darion sembrava ancora indeciso di come presentare la cosa a Steye=^=Quest'anno è stato deciso di indire un concorso per selezionare un gruppo di venticinque bambini dell'età compresa fra i sei ed i dieci anni per visitare la vostra base, ovviamente saranno accompagnati per tutto il tour anche da tre insegnanti=^=

"Bambini? Mi state dicendo che arriverà una scolaresca in gita?" Steje sgranò gli occhi "Ma non sono troppo piccoli per venire sino a qui senza i propri genitori?"

=^=I genitori aspetteranno i figli su DS9 per tornare a casa con loro. Sono stati scelti dei bambini che non hanno problemi a passare qualche giorno senza i propri genitori=^=

Steje era stato preso del tutto in contropiede, tante cose si sarebbe aspettato ma non di passare da ufficiale a baby sitter "Qualche giorno? Ed esattamente per quanto tempo li avremmo come graditi ospiti?"

=^=Tre giorni, ossia per tutta la durata della festa. Capitano, mi aspetto che vi mostriate disponibili con quei bambini. Fategli vedere qual'è la vostra vita, presentategli gli ambasciatori... insomma, so che riuscirete ad inventarvi qualcosa che possa tenerli occupati per tre giorni, oltretutto potrete sempre approfittare della festa!=^=

"Ehm...Contrammiraglio, parliamone" Steje era a bocca aperta "Quindi l'idea è che io dovrei fare per tre giorni da guida turistica ad un intero branco di bambini portandoli in giro per la base nel vano tentativo di trovare qualcosa che non li annoi troppo?"

=^=Capitano, cerchiamo di essere onesti. L'idea è stata fortemente caldeggiata dalla Federazione, sono anni che alcune colonie tentano di organizzare delle gite scolastiche simili, e questa volta il Comando ha ceduto accettando che i fortunati foste voi della DS16 Gamma. Ho ricevuto l'incarico di scaricare la patata bollente al capitano della base ora sta a lei decidere se delegare o meno qualcun'altro a svolgere il ruolo di cicerone=^=
"Eh, e a chi dovrei dare l'ambito onore?"

=^=Ha pur sempre un primo ufficiale=^=

Aymane osservò lo schermo "Chi? Rerin? L'andoriano che ha quasi rotto i ponti con la sua famiglia quando gli ha detto che non intende avere figli? Quel primo ufficiale?" scosse il capo "Lui è adatto a tenere dei bambini quanto l'ambasciatore Rogal è indicato a danzare la morte del cigno in tutù e scarpette" entrambi gli ufficiali restarono qualche secondo in silenzio per poi scuotere la testa cercando di scacciare l'immagine del Klingon in tutu.

Darion riprese la parola decisamente risoluto=^=Capitano, comunque vada da questa situazione non può scappare! Se Rerin non è adatto può occuparsene lei di persona=^=

"Il primo ufficiale sarà all'altezza della situazione, credo in quel giovane!" affermò convinto Aymane

Darion sghignazzò divertito=^=Non so perchè ma me lo aspettavo. Buona giornata=^=

L'ammiraglio salutò chiudendo la comunicazione e lasciando Steje da solo a riflettere tra sé e sé. Certo, Rerin non era propriamente un amante dei bambini, ma davvero aveva intenzione di scarrozzare per tre giorni un gruppo di marmocchi urlanti per tutta la base stellare? Anche no!

La decisione era presa. Steje sfiorò il comunicatore preparandosi alla tempesta che ne sarebbe scaturita "Capitano Aymane a Comandante Rerin: Numeroooo uuuuunooooo? C'è un lavoro per lei..."



DS16 Gamma
Molo d'attracco 04
24/08/2401 - ore 10.31


Rerin se ne stava in piedi, dritto e rigido come un pezzo di legno. Aveva provato a liberarsi di quella rogna in svariati modi, ma perfino l'ammiraglio Darion si era fatto negare con la scusa di un allontanamento dal Comando per motivi improrogabili che lo avrebbero tenuto impegnato per un paio di settimane. Alla fine non aveva avuto altra scelta che accettare il suo incarico con lo stessa gioia di un condannato a morte.

Il portellone si aprì senza alcun problema lasciando arrivare alla base un nutrito numero di bambini seguiti dalle loro tre insegnanti accompagnatrici. Rerin si soffermò a guardare le tre donne: si era informato su chi fossero, ma gli erano stati dati solo i nomi ed una descrizione generica.

La prima insegnante, Tanya Lier, era un'umana alta e magrissima, che indossava degli abiti vecchi, dismessi, color grigio topo. I suoi occhi saettavano da una parte all'altra della passeggiata seguendo i movimenti di ciascun bambino quasi con apprensione maniacale. Era sulla base da pochi istanti e aveva già richiamato un bambino perché correva troppo, uno perchè non stava bene appoggiarsi alle paratie, un altro perché non gli era stato dato il permesso di mangiare, una coppia perché giocavano a fare la lotta, etc... nessuno scappava alla sua vigilanza.

La seconda, Jeriah, era di razza boliana e sembrava aver deciso coscientemente di raggiungere la forma fisica "perfetta", vale a dire una sfera. Bassa e tozza, rischiava di diventare più larga che alta ma, nonostante tutto, stava mangiando anche in quel momento. Anche il suo sguardo sembrava muoversi da un lato all'altro del corridoio ma probabilmente cercava le indicazioni per raggiungere l'area ristorazione.

La terza, Sama Dreil, era una betazoide un po' in là con gli anni ma ancora piuttosto sensuale. Osservava i bambini senza proferir parola, lasciando alla collega terrestre l'arduo compito di controllarli.

"Ed ora tutti insieme, salutiamo il Primo ufficiale della base!!" Tanya fece voltare tutti i bambini verso Rerin

"Buongiorno Primo Ufficiale..." ripeterono tutti in coro

Rerin restò per un attimo pietrificato sul posto chiedendosi cosa diavolo avesse fatto di male nella sua vita per meritarsi quello "Buongiorno, sono il Comandante Rerin e vi do il benvenuto qui alla base stellare DS16 Gamma, sono certo che vi divertirete" i bambini lo fissarono già annoiati a morte ma Rerin cercò di mantenere il sangue freddo "La DS16 Gamma nasce dopo la guerra con il Dominio per creare una base che permetta l'esplorazione del Quadrante Gamma attraverso il tunnel spaziale bajoriano... ma in poco tempo è divenuta un nodo cruciale per il commercio, lo scambio dei beni fra i due quadranti, e ancor più importante per l'allacciamento di relazioni diplomatiche. Questa base stellare è gestita da un equipaggio della Flotta Stellare ma le ambasciate diplomatiche presenti in loco garantiscono che tutte le maggiori potenze del quadrante alfa possano partecipare con la medesima importanza alle relazioni diplomatiche che si stanno instaurando con il Dominio"

I bambini sembravano già aver perso ogni interesse nella spiegazione il silenzio si era fatto assoluto mentre la scolaresca fissava sempre in direzione del primo ufficiale.

"Bene, abbiamo predisposto un piccolo buffet di benvenuto nell'area dei ristoranti. Se non avete domande, sarò felice di accompagnarvi e..." Rerin si fermò osservando delle mani alzarsi ed un nugolo di bambini iniziare a scalpitare per poter parlare

"Ehm... ecco" il primo ufficiale osservò per un po' i bambini per poi scegliere quello che gli sembrava il più inoffensivo "Tu, chiedi pure"

"Dove sono i tuoi bambini?"

Il primo ufficiale si pentì subito della sua scelta "Non ho figli, altre domande?"

Tra le bambine in prima fila, una piccola dalle trecce bionde esclamò "Come nascono i bambini?"

"Si... ehm... ok, altra domanda?" Rerin iniziava seriamente ad ipotizzare la fuga

"Non lo sai?" la piccolina fece spallucce "Forse è per quello che non ne hai..."

Rerin non fece in tempo a rispondere che un'altra bambina prese la parola "E sei sposato?"

"No, al momento no ma..."

La piccola dalle trecce bionde tornò alla carica "E perché no? Non ti vuole nessuno?"

"Ehm... non esattamente" le antenne dell'andoriano vibrarono per il nervoso "Qualche domanda relativa alla base?"

La maggior parte delle manine si abbassarono, ma non tutte. Rerin sperò nella sua buona stella e ne scelse uno a caso "Chiedi pure..."

"Qui viene anche il Dominio?"

Rerin si sentì sollevato, se non altro era una domanda a cui poteva rispondere "Beh, si. Una delle motivazioni per cui esiste questa base è proprio per cercare di instaurare relazioni diplomatiche con il Dominio"

"Perché?"

"Beh, delle buone relazioni diplomatiche possono garantirci che non vi saranno altre guerre come quella passata. Ad ogni modo possiamo dire in generale che la diplomazia fra le varie potenze permette di mantenere un clima pacifico nei quadranti alfa e beta"

"Perché?" lo incalzò ancora il bambino

Improvvisamente il sollievo provato da Rerin sparì "Perché questo è lo scopo della diplomazia, permettere a popoli diversi di raggiungere accordi comuni che permetta loro di coesistere pacificamente"

"Perché?"

A questo punto Rerin si arrese cercando aiuto dalle tre insegnanti "Davvero, come si spegne?"

Tanya guardò per un attimo il primo ufficiale con espressione severa per poi osservare i bambini "Ringraziamo tutti insieme il Comandante Rerin che ora ci accompagnerà al buffet"

I bambini risposero in coro, anche se ben poco convinti "Grazie Comandante Rerin"

Il primo ufficiale tirò un sospiro di sollievo, il primo round era finito.



DS16 Gamma
Passeggiata
25/08/2401 - ore 10.31


La scolaresca aveva fra le proprie grinfie il Comandante Alessandro Riccardi ed il Tenente Durani della Casata di Kanjis e da circa dieci minuti li martellavano senza pietà con le loro domande "innocenti". I due ufficiali della tattica e della sicurezza sembravano reggere meglio la situazione ma era evidente che iniziavano a prendere in considerazione l'idea di rifilare nuovamente l'ingrato compito di cicerone al primo ufficiale.

Rerin, nel mentre, si era un po' allontanato dal gruppo per osservare da una certa distanza la scena. No, decisamente avere dei figli non faceva per lui.

"Allora, numero uno, tutto bene?" il tono solare di Aymane si scontrò con l'occhiataccia che gli rifilò Rerin "Su con la vita, è il secondo giorno. Domani sera se ne torneranno su DS9, dove torneranno a riempire le giornate dei loro genitori!"

"Non sarà mai troppo presto..." digrignò i denti Rerin

Dal corridoio giunse una sorridente Bly che, ascoltando la conversazione fra i due ufficiali, non resistette nell'intervenire "Ah, eppure io come padre lo vedrei bene... secondo me la sua è una fase, aspetti di averne uno suo e vedrà che non ci farà più caso ai piccoli fastidi che procura"

"Piccoli fastidi? Lei li definisce piccoli fast..." si fermò sentendosi tirare il pantalone e si bloccò "Ecco appunto..." si voltò a guardare la piccola dalle trecce bionde che lo chiamava insistentemente "Perchè mi tiri i pantaloni?"

"Perchè devo dirti una cosa!"

"E non potresti chiamarmi per nome?"

"Non si devono interrompere i grandi mentre parlano chiamandoli!"

"Eh bhe... invece interromperli tirando uno per i pantaloni è tutta un'altra cosa..." rispose ironico Rerin

"Esatto!" rispose convinta la piccola

Rerin osservò la sua piccola nemesi sotto lo sguardo divertito del Capitano "Gracy, cosa vuoi?"

"Mi scappa la pipì"

"Si, allora..." Rerin si osservò attorno "Dunque, le tue maestre sono lì"

"Io l'ho detto a te!" rispose la piccola

"E cosa vorresti che facessi?"

"Sei il primo ufficiale? Sei quello che risolve i problemi? Io ho un problema... risolvilo!"

"Il discorso non fa una piega..." la dottoressa annuì convinta alle parole della bambina

Rerin fissò la betazoide con sguardo nervoso "Non fomentarla ulteriormente..."

Il Capitano, oramai ad un passo dallo scoppiare a ridere, si limitò a fare un cenno del capo osservando la bambina "Manca solo che la chiami numero uno e le cedo il comando della base....la vedrei bene come capitano." sorrise per poi voltarsi "Comunque, numero uno, vedo che ha tutto sotto controllo, continui così..." detto questo se ne andò

"Sta scherzando, Capitano??" Rerin fissò Aymane andarsene, la piccola e per finire Bly "Aiutami..."

"Mm, ti costerà caro però..." la betazoide sorrise divertita "Molto caro... direi almeno una cena, al miglior ristorante della base stellare"

"Andata e...." la piccola nel frattempo aveva ripreso con forza a tirare i pantaloni dell'andoriano che tornò a prestarle attenzione "Fammi indovinare, devi andare al bagno..."

"Ehh... troppo tardi"

Rerin sgranò gli occhi ma Bly scoppiò a ridere prendendo la bimba in braccio "Su, andiamo io e te... ho come l'impressione che ora le cene che mi deve sono appena salite a due"

Il primo ufficiale fessurò lo sguardo sulla betazoide quando una percezione lo fece voltare non sapeva descrivere a pieno cosa avesse sentito, era una sensazione negativa. Rabbia? Desiderio di vendetta? Frustrazione? Violenza?

Vide che anche Bly si era voltata per un attimo in quella direzione per poi riprendere a camminare. L'andoriano restò per un attimo a guardare i passanti della passeggiata ma il suono stridulo delle voci dei bambini gli fecero capire che la sua pausa era finita.



DS16 Gamma
Passeggiata
25/08/2401 - ore 19.06


Rerin stava guidando la sua piccola mandria di bambini in direzione del ristorante per la cena. La passeggiata era come al solito tranquilla ed il gruppetto avanzava spedito verso la sua meta.

Fu un attimo.

Tutte le luci si spensero di colpo, i piccoli spaventati iniziarono ad urlare attaccandosi alle maestre ed al primo ufficiale

"Calmi, calmi! Vedrete che ora la luce torna!"

Rerin cercava di non cadere a causa della mole di bambini attaccati alle sue gambe e nel mentre attivò il comunicatore Rerin a sala controllo, che cosa succede?!"

=^=Qui sala controllo, non ne abbiamo idea signore, stiamo cercando di sistemare il prima possibile!=^=

Dei colpi phaser risuonarono nell'oscurità, Rerin cercò di percepire qualcosa ma era solo per metà Aenar... troppe emozioni, troppa confusione, il terrore dei bambini così vicini a lui... era davvero troppo.

Le luci, come si erano spente, così tornarono. Una maestra era stata colpita e giaceva a terra mentre la piccola dalle trecce bionde, Gracy, era sparita.


Torna all'indice


26.01 - Il traduttore universale

Autore: Capitano Steje Aymane

DS16 Gamma
Passeggiata
25/08/2401 - ore 19.08


"Comandante Rerin a Riccardi, bloccate qualsiasi nave cerchi di allontanarsi dalla base."

=^=Ricevuto! Ha idea di cosa stia succedendo?=^=

"Le farò sapere appena l'avrò capito!" esclamò Rerin chiudendo il canale e avvicinandosi alla dottoressa Bly che stava soccorrendo l'insegnante.

"Dottoressa?" chiese abbassandosi.

"È grave, ma non in pericolo di vita, dovrò portarla immediatamente in infermeria."

"Vai pure mi occupo io dei bambini. Tvek, Rogers, dobbiamo portare i bambini in un posto sicuro, prima di riuscire a fare chiarezza."

"Un posto ci sarebbe, ma non so se le piacerà." rispose l'uomo della sicurezza con un sorriso sghembo.



DS16 Gamma
Ambasciata klingon
25/08/2401 - ore 19.08


"E li ha portati qua..." commentò Rogal sollevando un sopracciglio.
Lui è Rerin si stavano fronteggiando nel centro della sala incontri dell'ambasciata klingon. Da una parte c'erano i bambini e le due maestre rimaste, sui loro volti era scolpito il terrore per quello che era successo, in più si sommava anche la paura dei cinque guerrieri di sangue che li guardavano come se quei bambini fossero dei triboli sotto mentite spoglie.

"Ne hanno rapita una ed eravamo ad una porta di distanza dall'ambasciata. Dannazione Ambasciatore hanno sparato in mezzo alla gente sulla passeggiata e ancora non so cosa stia succedendo. Converrà con me che non avevo molta scelta." rispose Rerin con un sospiro.

"Ne convengo... ok li lasci qui, ci penserà Stilgar. Ma faccia venire Tar... ehm il Comandante Keane, converrà con me che tenere dei federali in miniatura in un'ambasciata klingon senza supervisione, non è una buona idea."

"Li vuole affidare a Stilgar?" Rerin era basito, l'enorme klingon dallo sguardo truce e dalla cicatrice che spaventava anche lui delle volte, avrebbe gestito dei bambini piccoli in lacrime.
Rogal fece un cenno in direzione degli ospiti, Stilgar si era avvicinato con tranquillità e si era seduto davanti ai bambini. Una delle bambine più vicine, una ragazzina dai capelli rossi gli si avvicinò singhiozzando e lui la prese fra le braccia.

"Stilgar adora i bambini, ne ha sei, tutti adottati. La cosa più strana è che i bambini non sembrano avere paura di lui."

"Voi klingon siete proprio strani..." commentò Rerin lasciando l'ambasciata.



DS16 Gamma
Sala comando
25/08/2401 - ore 19.20


"Niente?" chiese Steje guardando gli uomini riuniti nella sala.

"Non so cosa dirle, hanno staccato le luci e attaccato la passeggiata come un gruppo ben organizzato... a dire il vero non so nemmeno se è stato un gruppo. Non c'è traccia né di loro, né della bambina sparita."

"Steje a Comandante Keane, è arrivata all'ambasciata?"

=^=Qui Tara, sono sul posto.=^=

"Cercate di capire chi sia la piccola Gracy, se si sono presi il disturbo di rapirla dentro una stazione federale vuol dire che dev'essere qualcuno d'importante."

=^=L'Ambasciatore ha parlato con la signorina Sama Dreil, l'insegnante betazoide. Da quello che ne sappiamo la bambina è figlia del titolare di un'impresa di smaltimento rifiuti su una colonia non lontana da Bajor.=^=

"Eppure qualcosa di speciale lo deve avere quella bambina, non conosco una luogo più ad alto rischio che la nostra base. Rapire una bambina qui è quasi un suicidio." commentò Steje

"Qualcosa di speciale lo hanno tutti." commentò Durani a pochi metri dal Capitano

"Cosa avrebbero di speciale?" chiese il Trill

=^=Capitano non ha letto le informazioni sul progetto educazionale Athena?=^=

"Ero un po' impegnato e ho passato la documentazione al comandante Rerin." rispose Steje senza nemmeno dare l'impressione di essere imbarazzato.

=^=Il Progetto Athena è stato creato cinque anni fa dalla federazione per raccogliere bambini con capacità uniche.=^=

"Una scuola per geni?"

"Sì e no, non si tratta solo di geni matematici - si intromise Durani - ma anche bambini incredibilmente dotati per la musica, l'arte o la programmazione. Il piccolo Joshua ha scritto un nuovo interfaccia LCARS che sfrutta programmazione quantistica ed ha solo sette anni."

"Forse allora la piccola Gracy costruisce navi stellari o armi di distruzione di massa." proposte il Capitano Aymane con un sorrisetto

=^=In realtà no, dice che è solo un genio linguistico... solo per modo di dire, nessuno sa quante lingue riesca a parlare, al momento nel hanno contate trentasette.=^= li informò Tara

"Trent...?! Dei del cielo, cos'è un traduttore universale?"

=^=Tutto può essere, parla tantissime lingue ma non è in grado di spiegare come faccia o quante ne conosca esattamente... nemmeno come faccia ad impararle. La signorina Dreil ha detto che la bambina parla betazoide perfettamente eppure i suoi genitori abitano in una colonia dove ci sono quasi esclusivamente umani.=^=

"Non so perché ma questi bambini mi fanno più paura di prima. Comandante tenga i bambini con conoscenze pericolose lontani dalle mani dei klingon e continui a scavare nella vita di Gracy. Se c'è bisogno faccia arrivare i genitori da DS9."

=^=Guardi che l'Ambasciatore la sente!=^=

"Ops... Steje chiudo!" il Capitano sospirò "Bambini con conoscenze incredibili e qualcuno che ne rapisce una che sa solo parlare tante lingue..."

"Forse è stato un errore." si intromise l'ufficiale scientifico

"Hanno superato la sorveglianza di Riccardi, hanno manomesso i sistemi energetici della base e poi prendono la bambina sbagliata? Ne dubito." rispose Aymane tormentandosi il labbro con le dita.

"La cosa che ancora non capisco è perché non riusciamo a trovarli... nessuna nave è partita da quando abbiamo dato l'allarme e i le telecamere di sorveglianza non trovano niente." commentò frustrato Riccardi

"Continuate a cercare, a costo di svitare ogni paratia della stazione... dovete trovare quella bambina!"



DS16 Gamma
Alloggio Guardiamarina Sati e Guardiamarina Lorelax
25/08/2401 - ore 20:00


"L'avete calmata?" chiese l'uomo con un sussurro attraverso la maschera che gli copriva il volto.

"Sì, anche se non è stato facile. Gli era presa una crisi isterica e abbiamo dovuto darle un blando sedativo, ma non dovrebbe interferire con le sue capacità." gli rispose una benzita anch'essa con il viso coperto.

"Speriamo, dobbiamo riconsegnarla il prima possibile, se non la ritrovano presto sarà impossibile andarsene da questa base." commentò il terzo membro del gruppo, che rivelava i suoi natali trill solo perché la maschera non copriva anche il collo segnato da macchie.

"I due proprietari degli alloggi?" l'umano guardò i due svenuti e legati che ora giacevano supini sul letto.

"Sono K.O., abbiamo scelto il loro alloggio perché il loro prossimo turno è fra un giorno e mezzo, quindi nessuno farà caso alla loro scomparsa."

"Bene, è il momento di parlare con la bambina." il capo della banda raggiunse la piccola Gracy seduta su una poltrona e si alzò la maschera, mostrando un bel viso coperto da una rada barbetta e due occhi azzurri.

"Ciao Gracy, scusaci per questa confusione, ma avevamo davvero tanto bisogno di te." l'uomo sorrise "Ti dispiace se ti faccio sentire una cosa?"

La bambina, ancora impaurita per essere stata afferrata nel buio e trascinata via e un po' perché era lievemente stordita dal sedativo si limitò a fare un cenno di assenso con la testa.

"Brava bambina, ti prometto che fra poco sarà tutto finito." L'uomo estrasse dal lungo giaccone una scatola simile ad un vecchio tricorder della flotta stellare e fece scattare la copertura che emise il vetusto trillo.

La voce che uscì dalla registrazione non era chiaramente umana e nemmeno la lingua con cui parlava era conosciuta dalla Federazione, il capitano Colter della nave mercenaria Soyokaze, se ne era accertato. Aveva provato anche con i database klingon ed era quasi riuscito a mettere le mani su quelli romulani, ma nessun database riusciva a trovare una corrispondenza in quella lingua.

James Colter guardò la bambina con un sorriso rassicurante, ma la piccola aveva gli occhi vitrei e sembrava ascoltare la conversazione come se lì ci fosse solo lei e nessun altro.

"Nave Hjerstwyn, Primo Aliante del regno di Lot. La nave è in avaria e non riusciremo a tornare indietro, lascio le mie ultime volontà sperando che qualcuno del mio mondo raccolga il nostro testimone... piegare lo spazio per viaggiare è possibile, noi ne siamo stati testimoni... anche se non vivremo abbastanza per testimoniare niente. Il pianeta è inospitale e non abbiamo cibo a sufficienza, quindi la nostra esperienza si concluderà con la nostra morte. Allego le coordinate del pianeta sul quale siamo caduti e le invierò tramite una sonda nello spazio sperando che qualcuno ci trovi e raccolga almeno il nostro prezioso carico. Ma non so chi potrebbe aiutarci, le razze che abbiamo visitato fino ad ora erano appena in grado di leggere e scrivere, persino la nostra razza per quanto avanzata, non ha ancora navi per viaggi a curvatura oltre questa ed adesso ci troviamo troppo distante perché qualcuno dei nostri arrivi. Rivolgo una preghiera per il mio equipaggio... Prima Ala, Capitano Sokat, chiudo." la bambina sbattè gli occhi un paio di volte e poi parve addormentarsi.

"Hai registrato tutto?" chiese l'uomo.

"Tutto registrato, comprese le coordinate. Sei sicuro della datazione?" chiese il trill rimettendo alla cintura il suo tricorder

"La datazione al carbonio diceva che la sonda aveva almeno duecentomila anni e lo stesso metallo della sonda non esiste su nessuna tavola degli elementi... il solo venderlo ci renderebbe ricchi sfondati, immaginate cosa potrebbe fruttarci una nave dispersa da tutto quel tempo. Diavolo, sulla terra duecentomila anni fa c'erano gli uomini preistorici e questi già viaggiavano fra le stelle... è il sogno di qualsiasi scienziato!"

"Noi mica lo facciamo per la scienza!" commentò la donna ridendo

"Che centra, è il pensiero che conta" il gruppetto si mise a ridere.

"Basta così, Kisa, porta la bambina in un posto dove può essere trovata e assicurati di somministrarle un po' di quella droga, voglio che non si ricordi cosa ha fatto nelle ultime ore. Noi torniamo dallo ktariano... cavolo credo che siamo i primi mercenari ad assumere un datore di lavoro invece del contrario! Appena si saranno calmate le acque ce ne andremo... quella nave ha aspettato duecentomila anni, può aspettare qualche mese in più."



DS16 Gamma
Sala comando
26/08/2401 - ore 00:44


=^=Guardiamarina Stone a Capitano, abbiamo trovato la bambina! Era addormentata dentro uno scaffale nel ristorante dove il Comandante Rerin stava portando i bambini a cena.=^=

"Come sta?" chiese Steje

=^=Apparentemente bene, solo un po' frastornata. La stiamo accompagnando in infermeria, ho già allertato la dottoressa.=^=

"Ottimo lavoro Stone, vi raggiungo in infermeria."

Il Capitano di DS16G fece un cenno al suo Primo Ufficiale e i due entrarono dentro il turbo ascensore, dopo un attimo di silenzio Aymane guardò il collega.

"Secondo te quante possibilità ci sono che la bambina si sia effettivamente nascosta da sola e sia rimasta lì per tutto questo tempo?"

"Non tante, ma è comunque possibile" rispose l'andoriano con un'alzata di spalle, ma i suoi muscoli parvero rilassarsi perché la bambina a lui affidata pareva sana e salva.

"Vuoi scommettere?" chiese Steje lanciando un'occhiata divertita al suo primo ufficiale.

Rerin sospirò rassegnato, questa storia non era finita.


Torna all'indice

FINE MISSIONE